Home / Pulizia e manutenzione / Manutenzione piscina: 8 soluzioni a 4 problemi comuni
soluzioni manutenzione piscina

Manutenzione piscina: 8 soluzioni a 4 problemi comuni

La cura e la manutenzione piscina può essere un mistero per tanti, novizi o veterani indistintamente. Capita che l’acqua si trasformi improvvisamente in strani colori o che compaiano macchie sul fondo della vasca o ancora che qualcosa chiaramente non funzioni come dovrebbe.

Se si entra nei meccanismi e nella routine di una corretta manutenzione piscina si potranno evitare tanti spiacevoli incidenti che potrebbero costringervi a stare lontani per un po’ dalla vostra vasca ma, finchè non si diventa esperti, cerchiamo di darvi alcune soluzioni a problemi comuni che potrebbero capitarvi (e, in proposito, vi consigliamo la lettura degli altri articoli che riguardano problemi e soluzioni per la tua piscina).

 

Macchie sul rivestimento in PVC

PROBLEMA RISCONTRATO

Macchie circolari scure sul fondo della vasca.

PROBABILE CAUSA

Proliferare di funghi, alghe o ioni metallici disciolti quali ferro, rame, manganese, depositatisi sul fondo.

SOLUZIONE

Per liberarsi delle alghe serve una forte ossidazione con cloro o ossigeno, si suggerisce quindi di effettuare un trattamento con del cloro liquido (ipoclorito di sodio) da versare sopra la macchia o con cloro granulare disciolto in un recipiente poi versato in vasca (circa 20 grammi per metro cubo d’acqua).
È bene prestare attenzione quando si effettua questo tipo di trattamenti in quanto, se non usati con prudenza, questi prodotti potrebbero rovinare in modo permanente il liner. Attenzione anche ad evitare il cloro in polvere: sarebbe sicuramente efficace contro funghi ed alghe ma potrebbe scolorire il rivestimento.
Una volta effettuato il trattamento procedete a strofinare le macchie con una spazzola e ad avviare il sistema di filtrazione per almeno 24 ore.

Se non dovesse funzionare potrebbe significare che non si tratta di funghi ma di ioni metallici e quindi la soluzione è utilizzare dei prodotti sequestanti per metalli, continuando la filtrazione con ripetuti controlavaggi per altre 24 ore. Il giorno successivo si potrà aspirare il fondo con un aspirafango, posizionando la valvola selettrice su scarico per poi effettuare un rabbocco dell’acqua.

Acquista il cloro per piscina

Depositi calcarei

PROBLEMA RISCONTRATO

Depositi grigi ed opalescenti visibili in special modo sulla scaletta in acciaio.

PROBABILE CAUSA

Depositi di carbonato di calcio causati da acqua dura e PH elevato oltre la norma.

SOLUZIONE

Se il problema è riscontrato unicamente sulla linea di galleggiamento (vi si potrà quindi notare un velo biancastro) basterà abbassare di qualche centimetro il livello dell’acqua e strofinare un po’ di prodotto anticalcare con un panno la zona da trattare. Dopo aver lasciato agire per qualche minuto si potrà risciacquare con l’acqua della piscina (la piccola quantità di prodotto che finirà in vasca non altera la qualità dell’acqua) ed eventualmente ripetere l’operazione se non dovesse risultare sufficiente un solo passaggio.

Se invece il problema dei depositi calcarei è diffuso anche a fondo e pareti potrebbe risultare necessario svuotare la piscina e procedere con un trattamento anticalcare entrando in vasca e strofinando un mix di acqua e prodotto specifico con uno spazzolone. Si raccomanda di effettuare questa operazione appena la vasca viene svuotata o comunque avendo cura di tenere umido il rivestimento o si rischia di far seccare eccessivamente il calcare, il che renderebbe l’operazione molto più difficile. Dopo aver fatto agire il prodotto si raccomanda di risciacquare abbondantemente la vasca ed eliminare l’acqua utilizzata con l’aiuto di una pompa sommersa.

Se il fenomeno si ripete è consigliabile addolcire l’acqua della piscina.

Acquista anticalcare per piscina

Debole aspirazione degli skimmer

Se riscontrate un problema all’aspirazione degli skimmer le cause possono essere molteplici, vediamo le varie soluzioni:

POSSIBILE CAUSA

Il compito degli skimmer è quello di aspirare l’acqua di superficie della piscina. Inevitabilmente, nello svolgere questa operazione, aspireranno anche insetti, foglie e sporco grossolano che cade sul pelo dell’acqua riempiendo man mano il cestello al loro interno, che funge da filtro. Maggiore quindi sarà la quantità di materiale presente nel cestello, minore sarà la sua capacità di aspirazione.

SOLUZIONE

Piuttosto semplice, basterà procedere con la normale pulizia del cestello e, per evitare per il problema di ripresenti, pianificarne una pulizia periodica e frequente.

 

POSSIBILE CAUSA

Intasamento del prefiltro della pompa.

SOLUZIONE

Se doveste accertare che è questa la causa del problema si dovrà procedere alla pulizia del prefitro della pompa. Per farlo basterà aprire il filtro, estrarre il cestello e svuotarlo, non prima però di essersi assicurati di aver fermato la pompa e chiuso tutte le valvole.

 

POSSIBILE CAUSA

Intasamento del letto filtrante del filtro a sabbia.

SOLUZIONE

Per liberare e rendere nuovamente efficiente il filtro a sabbia basterà procedere come un normale lavaggio e risciacquo dello stesso.

 

POSSIBILE CAUSA

Squilibrio delle aperure delle valvole sul collettore di aspirazione.

SOLUZIONE

Regolare le valvole secondo l’esigenza, ossia chiudendo un po’ l’aspirazione dalla presa di fondo e la valvola dello skimmer più vicino.

 

POSSIBILE CAUSA

Manca il battente galleggiante dello skimmer. Il battente serve a far sì che solo l’acqua in superficie entri nello skimmer, in modo da portare via lo sporco che vi galleggia, trattenendolo all’interno del cestello.

SOLUZIONE

Recuperare il battente galleggiante e reinserirlo nel proprio alloggiamento.

 

Acqua schiumosa

PROBLEMA RISCONTRATO

Si nota schiuma sulla superficie dell’acqua.

POSSIBILE CAUSA

Alghicida o svernante di bassa qualità.

SOLUZIONE

Il problema si risolve spontaneamente dopo qualche giorno.

A proposito di Luca B.

Grazie al mio lavoro e al confronto con numerosi clienti ho acquisito una grande esperienza riguardo al funzionamento di prodotti chimici utilizzati per i trattamenti e la pulizia dell'acqua delle piscine.

Vedi anche;

manutenzione invernale piscina

Manutenzione invernale piscina: come proteggerla da gelo e neve

Se vi state chiedendo se con questo gelo e la neve in arrivo la vostra …

6 commenti

  1. Cristina Rizzo

    Buongiorno, premetto che ho la piscina da 98 pertanto bel corso di ogni estate ho dovuto risolvere svariati problemi. Ho acqua di pozzo ma non ho mai dovulo usare sequestrante di metalli. Quest’anno sul fondo della mia piscina lungo i bordi e a sprazzi nel mezzo, si forma come una polvere color beige. Appena aspirata la piscina è fantastica ma tempo mezz’oretta e si riforma.Quest’anno il campo vicino è coltivato a girasole potrebbe esserne la causa?

    • Buongiorno Cristina, sì, può essere che la polvere che ha notato sia polline ma il robot dovrebbe essere in grado di aspirarlo..

  2. Buongiorno volevo esporle il mio problema: abbiamo riempito la piscina fuori terra abbiamo messo il tricloro azionato il filtraggio ma l’acqua rimane torbida tutti i livelli sono ottimali visionando la striscetta ph etc sono ok solo il cloro non diventa azzurrino e sul marroncino chiaro grazie anticipatamente per una sua risposta cordiali saluti

  3. Buongiorno, ho installato una piscina fuori terra da 3 mt × 4 circa, per i bambini, ho seguito le istruzioni di chi me l’ha venduta, ho messo l’acqua poi il cloro in seguito una pasticca da tenere nel galleggiante tutto il giorno, i test sono sempre usciti sbagliati, quindi mi hanno fatto mettere un correttore del.ph, poi abbiamo notato che il bordo bianco che fuoriesce dall’acqua era diventato verdino e quindi abbiamo messo l’antialghe ma i test escono sempre sbagliati… cosa mi consigliate? Tolgo di nuovo l’acqua e ricomincio da capo? E se si in quale ordine i prodotti.? Un ‘ultima cosa, ma è dannoso per noi fare il bagno in acqua così ci sono rischi? Grazie!

    • Buongiorno Giovanna,
      le consiglio di togliere l’acqua e ricominciare da capo con i trattamenti, prima di riempire la vasca sarebbe bene pulire il Liner interno con una spazzola in modo da staccare eventuali alghe rimaste attaccate al telo.
      Una volta riempita la piscina occorre trattare l’acqua con un sequestrante contro il calcare e il ferro, questo se il riempimento viene effettuato con acqua di pozzo in quanto il cloro combinato con materiali ferrosi può provocare una reazione chimica che cambia il colore dell’acqua, la quale diventa marroncina/verde.
      Come trattamenti, nell’ordine occorre mettere in acqua il cloro granulare per dare una prima disinfezione Shock, il valore del cloro salirà molto rapidamente ma è una cosa normale, quando il valore si stabilizza (valore compreso tra 1 e 1,5) può cominciare con le pastiglie di tricloro per il mantenimento.
      Per quanto riguarda il valore del PH è bene controllarlo subito, il valore deve essere compreso tra 6,9 e 7,5, e se necessario regolarlo con un correttore PH.
      Infine è importante anche il trattamento antialghe in modo da scongiurare la formazione di alghe in piscina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *