Home / Coperture per Piscina / UNI 11718 sulle coperture per piscina: di cosa tratta la nuova normativa
normativa UNI 11718 coperture piscina

UNI 11718 sulle coperture per piscina: di cosa tratta la nuova normativa

Oggi continuiamo ad esaminare le ultime regolamentazioni sul mondo della piscina prendendo in esame la normativa recentemente pubblicata sulle coperture.
Fino a qualche mese fa, per conoscere le caratteristiche delle coperture per piscina potevamo prendere spunto solo dalla norma francese del 2003: AFNOR NF P 90-308 ma da giugno 2018 anche in Italia è disponibile una normativa, l’UNI 11718, che fornisce una classificazione delle coperture, definendone i requisiti prestazionali ed i relativi metodi di prova per i produttori.

Queste informazioni possono tornare molto utili per capire se la copertura di cui disponi, o che intendi acquistare, risponde effettivamente alle tue esigenze di sicurezza o risparmio energetico. Precisiamo comunque che l’UNI 11718 non è una legge e non costituisce nessun obbligo per i produttori, almeno al momento.

Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Classificazione delle coperture

L’UNI 11718 specifica che le coperture per piscina possono essere realizzate secondo le seguenti caratteristiche:

  • Coperture rigide, ossia quelle che non subiscono cambiamenti di forma rilevanti sotto l’azione di un carico;
  • Coperture semirigide, rinforzate da elementi rigidi che sotto l’azione di un carico subiscono una deformazione parziale;
  • Coperture flessibili, subiscono una deformazione in funzione della forma e della massa applicata dal peso.

Se vuoi avere maggiori informazioni sulle diverse tipologie di coperture puoi leggere l’approfondimento: “Coperture di sicurezza per piscine: qualche chiarimento“.

Coperture Piscina

Ogni copertura, indipendentemente dalla tipologia a cui appartiene, deve soddisfare requisiti di risparmio energetico, protezione della superficie e sicurezza.
Per ogni criterio viene assegnato un punteggio che va da 0 (nullo) fino a 3 (massimo).

Risparmio Energetico Protezione Superficie Sicurezza
Nullo E0 P0 S0
Minimo E1 P1 S1
Medio E2 P2 S2
Massimo E3 P3 S3

1. Risparmio Energetico

Copertura Isotermica

Un telo che permette di ottenere un risparmio energetico si definisce solitamente copertura isotermica, ossia un rivestimento che consente di mantenere la temperatura dell’acqua in vasca, limitandone l’evaporazione e la dispersione termica.

Questi parametri sono individuati analizzando le proprietà del telo, come ad esempio l’impermeabilità al vapore acqueo o il grado di conducibilità termica.

2. Protezione della superficie

Le coperture  sono anche classificate in base alla percentuale di superficie che riescono a coprire, nelle seguenti classi:

  • PROTEZIONE NULLA: una copertura dello specchio d’acqua minore del 95%;
  • PROTEZIONE MINIMA: i teli che coprono una superficie uguale al 95% dello specchio d’acqua;
  • PROTEZIONE MEDIA: ne fanno parte tutte quelle coperture che coprono una superficie di dimensioni maggiori rispetto allo specchio d’acqua, ma che presentano fori o materiale drenante che non garantisce l’impermeabilità;
  • PROTEZIONE MASSIMA: indica i teli che sono impermeabili all’acqua piovana e agli agenti atmosferici che riducono l’ingresso di aria e luce in vasca.  generalmente, le coperture invernali hanno queste caratteristiche

3. Sicurezza

Copertura a Barre

Vediamo ora i requisiti necessari che un telo deve avere per essere definito copertura di sicurezza.

  1. Supportano per 20 minuti un peso di: 20 (S1), 30 (S2) o 40 (S3) chili
  2. Supportano l’attraversamento di una persona senza subire strappi o rotture dei fissaggi con un peso di 25 (S1), 80 (S2) o 100 (S3) chili
  3. Hanno una resistenza all’impatto con la copertura da un’altezza di 50 cm per un peso di 25 (S1), 50 (S2) o 70 (S3) chili
  4. Hanno superato la prova di intrappolamento di una persona
  5. Dev’essere opportunamente vincolata in modo da impedirne una transazione laterale

Si fa presente che un telo di classe S0 è privo di qualsiasi requisito elencato in tabella, ossia non è una copertura di sicurezza.

Ci teniamo a precisare, infine, che una copertura di sicurezza non sostituisce la sorveglianza e il controllo di bambini e bagnanti da parte di un adulto che deve essere sempre presente durante l’utilizzo della piscina.

 

Sul nostro sito potrai trovare una vasta gamma di coperture isotermiche, invernali o di sicurezza che risponderanno alle tue necessità.

Scopri le Coperture per Piscina

Se invece desideri un telo da utilizzare tutto l’anno potrebbero interessarti le coperture per piscina di sicurezza 4 stagioni.

A proposito di Giuseppe D.

Web Editor per BlogPiscine.com Condivido consigli sugli ultimi ritrovati tecnologici che ti aiuteranno a mantenere la tua piscina pulita e sicura con il minimo sforzo.

Vedi anche;

rimuovere la neve dalla copertura invernale

Come rimuovere la neve dalla copertura invernale

La neve sotto Natale è sempre un evento che rende l’atmosfera delle feste più magica. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *