Home / Pulizia e manutenzione / Come pulire la linea di galleggiamento dell’acqua nella tua piscina
Pulizia linea di galleggiamento piscina

Come pulire la linea di galleggiamento dell’acqua nella tua piscina

La linea di galleggiamento della piscina è uno dei punti più soggetti allo sporco, dovuto soprattutto alle sostanze grasse che si trovano a galleggiare sulla superficie dell’acqua e al calcare insito nell’acqua di ogni piscina. Queste sono, nel 90% dei casi, le cause di quella fastidiosa sporcizia che vedete accumularsi sulla linea dell’acqua, contro le pareti della vostra vasca.

Vediamo ora come pulire o evitare che la linea di galleggiamento dell’acqua della vostra piscina si sporchi, per avere una vasca di cui andare fieri!

 

Pulizia linea d'acqua

Pulire le sostanze grasse

Queste sostanze normalemnte derivano dalle creme solari o da elementi organici, soprattutto se la piscina è molto frequentata. le persone, si sa sono la prima causa di sporcizia e problemi igienici in piscina, per questo le piscine pubbliche obbligano ad effettuare una doccia prima di entrare in acqua e lo stesso dovrebbero fare i privati, se vogliono ridurre gli sforzi profusi nella pulizia e manutenzione della propria vasca.

Oltre al fattore umano, seppur subordinato, anche l’inquinamento ambientale riservare brutti scherzi, riversando in acqua sostanze grasse od oleose idrofobiche.

Come riconoscere il problema? Il colore caratteristico delle macchie aventi questa origini varia con il passare del tempo e può andare dal giallo, al marrone, fino ad arrivare al nero. Questa involuzione, ovviamente, può essere arrestata con un pronto intervento di pulizia.

Ancora meglio sarebbe efettuare delle pulizie periodiche, che prevengano il problema anzichè cerchare di mettere una toppa quando il danno è ormai già fatto. Se l’intervento è intempestivo, infatti, si corre il rischio che il rivestimento in PVC si impregni della sostanza, impedendo una pulizia efficace e contringendovi, nella peggiore ipotesi a sostituire il rivestimento della vasca.

Il metodo migliore per la pulizia periodica di questi depositi è l’utilizzo di prodotti detergenti alcalini, studiati specificamente per non aggredire la membrana, versandoli su una semplice spugna umida che facilita notevolmente le operazioni di pulizia. risciacquando con l’acqua della piscina. Si può anche spruzzare una soluzione diluita direttamente sulla linea di galleggiamento e poi procedere alla pulizia con la spugna.

Disincrostante SGRASSATORE LINER piscina

 

Acquista SGRASSATORE LINER

 

 
Evitare l’uso di prodotti aggressivi e strumenti di pulizia come spugne abrasive o spazzole con setole dure o d’acciaio che potrebbero danneggiare il rivestimento!
Altri strumenti utilizzabili per pulire questi residui sono il gel disincrostante, che si può applicare attraverso una spugna umida. È una soluzione molto efficace, disincrostante e sgrassante al tempo stesso e non è schiumogeno. Sono in commercio anche speciali spazzole gommose in grado di pulire il rivestimento senza l’utilizzo di prodotti chimici ma non risultano sempre efficaci nelle situazioni più critiche.

Incrostazioni calcaree sulla linea di galleggiamento

Oltre alle sostanze grasse, sulla linea d’acqua della piscina si possono formare anche dei depositi di calcare. La causa di ciò è da ricercare nell’acqua di riempimento della vasca,  che solitamente contiene metalli che possono formare delle incostrazioni con colorazioni dal giallo al marrone scuro, in alcuni casi addirittura verdognole.

Questi depositi sono dovuti all’acqua troppo “dura” (vedi durezza dell’acqua) o se il suo pH è elevato rispetto ai parametri standard (7.2 – 7.6). I parametri di pH ed alcalinità, infatti, sono strettamente correlati.

Alcuni componenti ferrosi nell’acqua potrebbero anche essere presenti a causa dell’usura di componenti interni come la scaletta, vecchie tubazioni in metallo o per il deterioramento della pompa di filtrazione. nel qual caso, l’azione da intraprendere è senza dubbio la sostituzione di suddetti componenti, altrimenti il problema tenderà a ripresentarsi.
Come causa secondaria, i metalli possono essere presenti anche all’interno di prodotti chimici.

Queste problematiche comunque si possono risolvere facilmente, bilanciando l’acqua della piscina, controllando fin dall’inizio il pH, l’alcalinità e la durezza dell’acqua, sostituendo le vecchie tubature, le scalette non in acciaio, le pompe arruginite e utilizzando prodotti chimici di qualità certificata.

Se, malgrado questi accorgimenti, il calcare persiste bisognerà abbassare leggermente il livello dell’acqua e appilcare sul deposito l’acido per diminuire il pH,  distribuendolo con una spugna morbida. Dopo pochi minuti si potranno rimuovere i residui e riportare l’acqua al livello normale. Se il problema dovuto a metalli o calcare è persistente, come prevenzione si può utilizzare un prodotto come  NO CALC MET, che sequestrano appunto questi agenti.

Sequestrante NO CALC MET per calcare e metalli

 

Acquista NO CALC MET

 

 

Per entrambi le soluzioni viene consigliato l’utilizzo di guanti protettivi!

A proposito di Marco F.

Esperto di piscine interrate e delle loro tipologie di costruzione, felice di rispondere alle vostre domande.

Vedi anche;

costo manutenzione piscina

Quanto costa la manutenzione piscina?

Avere una piscina è un sogno per molti e nel momento di affrontare la scelta …

8 commenti

  1. Io ho una piscina interrata formato a otto ,mq 8 x 4.50 .E a pulirlo con lo spazzolone mi ci vuole un’ora buona,o visto in vendita del robot con l’asta cioè a mano ,se celavete mi può mandare il costo.Ringrazio.

    • Alessio Breviglieri

      Buongiorno Giacomo,

      le invieremo per email alcune soluzioni più pratiche per pulire la linea di galleggiamento.

  2. Buonasera,
    ho da circa una settimana montato una piscina fuori terra (4X2mt), ho eseguito da subito il trattamento iniziale e quello di mantenimento con il cloro. Il filtro è attivo per la maggior parte delle ore del giorno. La piscina non è stata ancora mai utilizzata, ma sulla superficie noto una patina bianca, leggera, non uniforme ma tipo a cristalli. Resta attaccata alla copertura interna, infatti, una volta asciugata la copertura, è visibile sottoforma di un leggero strato di polverina bianca.
    Cosa potrebbe essere? Calcare (l’acqua è un po’ dura)?
    Grazie mille.

  3. buonasera ,ho una piscina esagonale appena l ho scoperta dopo l inverno e apparsa per tutto il perimetro una fascia giallo scuro sul telo panna più accentuata come colore dove batte il sole con quale prodotto posso pulirla , ho gia provato con sgrassatore candeggina e via kal grazie

  4. giusielena nigri

    buon giorno,
    volevo sapere se lo sgrassatore liner di può utilizzare a piscina piena.im quanto ho lungo il perimetro una linra5 gialla.ma svuotare la piscina a stagione inoltrata mi crea defli enormi problemi.
    grazie

    • Buonasera Giusi, il prodotto può essere usato a piscina piena, l’importante è che la sezione da pulire resti non immersa in acqua. Se la linea gialla a cui fa riferimento corrisponde con la linea di galleggiamento, per esempio, può semplicemente abbassare un po’ il livello dell’acqua e procedere ad applicare il prodotto, lasciarlo agire e poi risciacquare con l’acqua della piscina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *