problemi-acqua-piscina

9 problemi e soluzioni per l’acqua della tua piscina

I prodotti chimici di trattamento dell’acqua della piscina sono pensati per ottenere un’acqua sempre limpida, seguendo le istruzioni riportate sulle confezioni dei prodotti si dovrebbe avere la migliore resa.

Se, nonostante questo, l’acqua della vostra piscina presenta dei problemi, allora bisogna intervenire in modo diverso. Qui di seguito elenchiamo alcuni dei principali e più comuni problemi riscontrabili, con le relative soluzioni. Resta inteso che, se i problemi dovessero ripresentarsi con continuità, ti conviene rivolgerti ad un esperto per capire le cause e risolvere al meglio il problema.

I principali problemi con l’acqua della tua piscina

1. Acqua torbida con un fondo tendenzialmente scivoloso

Il problema potrebbe essere causato da una eccessiva presenza di fosfati.

Soluzione

  • Utilizzare un prodotto specifico per rimuovere i fosfati e introdurre chiarificanti naturali.
  • Tenere sotto controllo il livello dei fosfati soprattutto nelle fasi di apertura, chiusura e manutenzione ordinaria.

2. Acqua che tende al salato, con presenza di particelle in sospensione

La causa potrebbe essere una concentrazione eccessiva di composti minerali, come il Calcio carbonato, residui organici e inorganici, sali, il cui livello dovrebbe essere compreso tra i 1000 e i 1500 ppm.

Soluzione

  • L’unica soluzione definitiva è svuotare la vasca e introdurre acqua nuova.
  • Per impedire che questo problema si ripresenti sarebbe meglio ricambiare l’acqua della vasca una volta l’anno. Può risultare utile anche utilizzare un chiarificante una volta alla settimana.

3. Forte odore di cloro e irritazioni a occhi e pelle

Probabilmente si tratta della presenza di clorammine nell’acqua, che si formano quando urea e micro cellule di pelle, contenenti azoto e ioni di ammonio, si combinano con il cloro.

Soluzione

  • Si deve eseguire un trattamento shock, aggiungendo cloro in quantità dieci volte superiore a quello del cloro combinato in acqua, mantenendo la pompa in funzione. Per avere una maggiore efficacia, l’operazione andrebbe effettuata nelle ore serali, per evitare l’interferenza dei raggi UV.
  • I chiarificanti possono prevenire il ripresentarsi del problema.

4. Anomala fluttuazione dei valori di pH

Solitamente è dovuto ad una presenza anomala di sostanze alcaline nell’acqua. In linea generale, se la principale fonte di cloro è ipoclorito di sodio liquido, che è alcalino, l’alcalinità totale deve sempre rimanere tra 80 e 100 ppm. Con un cloro a base acida come il tricloro, invece, dovrà essere tra i 100 e 120 ppm.

Soluzione

  • Aggiungere un prodotto acido come sodio bisolfato o acido muriatico.
  • Per alzare il valore del pH, aggiungere un prodotto che contenga bicarbonato di sodio.
  • Verificare e bilanciare a dovere il livello di pH.

5. Presenza di residui organici

La causa di questo problema sono i frequentatori della piscina: creme solari, profumi, detergenti e tutti i vari batteri presenti sul corpo umano, oltre che quelli provenienti dall’ambiente esterno.

Soluzione

  • La doccia prima di entrare in acqua è fondamentale da questo punto di vista.
  • Utilizzare una copertura, automatizzzata o meno, durante i periodi di non utilizzo facilita molto il lavoro.
  • Verificare l’efficienza del sistema di filtrazione ed effettuare i test di controllo dell’acqua.

6. Presenza di particelle in sospensione

Soluzione

  • Utilizzare un flocculante in forma liquida, direttamente sulla superficie dell’acqua, a impianto di filtrazione spento, lasciandolo agire per circa mezza giornata.
  • Una volta alla settimana pulire il filtro al fine di eliminare le impurità trattenute.

7. Sfumature sul verde o marrone in acqua

La causa principale è la presenza di metalli disciolti in acqua, che determina l’abbassamento del pH. In genere si tratta di metalli come ferro, rame e manganese, derivata da acqua di falda o di condotta. Quelli più facili da individuare sono gli ioni di rame, che possono dare una colorazione verde al costume da bagno.

Soluzione

  • L’impiego di agenti sequestranti (o agenti chelatici) è il mezzo più efficace. Occorre osservare le indicazioni, così da tenere i metalli in soluzione per farli poi rimuovere dal filtro.
  • Il filtro dev’essere in ottime condizi0ni e rapportato all’adeguata pressione differenziale.
  • Per garantire l’efficacia del sequestrante è importante che l’acqua sia in equilibrio per quanto riguarda pH, alcalinità e durezza.
  • Questi prodotti possono anche prevenire il problema, quindi conviene usarli se si sa già che l’acqua immessa in piscina è carica di metalli.

8. Presenza di grassi e depositi sulla linea dell’acqua

Abbiamo già trattato nello specifico questa problematica nell’articolo Come pulire la linea di galleggiamento dell’acqua nella tua piscina.

Soluzione

  • Pulire la linea di galleggiamento con un prodotto specifico.
  • Se il filtro è predisposto, utilizzare un flocculante e un assorbitore di grasso.

9. L’acqua assume sfumature di verde, giallo o nero

È facile che si tratti di alghe galleggianti in superficie o che si sviluppano sul fondo della vasca.

Soluzione

  • Il cloro è il primo nemico delle alghe, le elimina e, grazie alla sua funzione ossidante, elimina anche il materiale rimasto.
  • Inserire un prodotto antialghe su tutto il perimetro della vasca e immergere nella stessa il retino e gli altri attrezzi di pulizia, per evitare che diventino portatori per future ricrescite.
  • Pulire con attenzione il filtro.
  • Prima di utilizzare l’alghicida, spazzolare per bene le pareti, in modo da rendere i residui di alghe più facilmente aggredibili.
  • Scegliere un alghicida ad ampio spettro e dal forte potere residuo, per prevenire ricadute, che possono facilmente accadere, in quanto le alghe morenti emettono fosfati di cui si alimentano le altre alghe.
  • L’alghicida può essere utilizzato anche come strumento di prevenzione.

Leggi di più come Come eliminare le alghe in piscina.

Vuoi ricevere in anteprima le novità sul mondo delle piscine?
Allora lascia il tuo indirizzo email qui sotto:

Vedi anche;

Manutenzione piscina fuori terra: guida al trattamento acqua

La manutenzione di una piscina fuori terra è un po’ come quella di un’auto: conviene …

4 commenti

  1. la mia piscina è diventata verde , alghe naturalmente, ora io mi chiedevo se a parte l’aspetto sgradevole esse sono nocive per la pelle oppure come mi è stato detto certamente meno che non con eccessivo cloro necessario peer eliminarle…grazie

    • Buongiorno Franco, se l’acqua è diventata verde a causa delle alghe sicuramente non può lasciare la situazione ingestita e deve prendere provvedimenti per far tornare l’acqua a delle condizioni di igiene adeguato.

  2. salve la mia piscina e un po scivolosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *