manutenzione della piscina per principianti

Guida alla manutenzione della piscina per principianti

Per chi acquista per la prima volta una piscina cercare di destreggiarsi tra filtri, chimici, pompe e componenti varie può sembrare un’impresa. Per questo abbiamo pensato a questa guida alla manutenzione della piscina per principianti, che speriamo possa chiarirti le idee e aiutarti a creare una routine di manutenzione della tua piscina.

Partiamo dal principio.

Le componenti base di una piscina

Sia che tu abbia una semplice piscina fuori terra o una interrata super personalizzata ogni piscina ha 4 componenti che necessitano di cure regolari per mantenere tutto allo stato ottimale. Queste sono:

  1. L’acqua della piscina.
  2. Il rivestimento.
  3. Il sistema di filtraggio.
  4. Il sistema di skimmer e ricircolo.

Vediamole nel dettaglio.

1. L’acqua della piscina

Chiaramente l’acqua è l’elemento più importante per la salute di tutto l’impianto. Tenerla pulita, cristallina e correttamente bilanciata proteggerà sia i bagnanti che la piscina, riducendo la necessità di sostituzione di pezzi per esempio, dovuta alla corrosione o all’accumulo di calcare o minerali, favorendo la lunga durata della struttura.

2. Il rivestimento

Le pareti della piscina, ricoperte dal rivestimento, sono sempre in contatto con l’acqua e con ciò che entra in vasca. Tenere queste superfici in buono stato e pulite da alghe, muffe e sporco manterrà la tua piscina più sana.

rivestimento piscina

3. Sistema di filtraggio

Il sistema di filtraggio rappresenta il cuore e il fegato della piscina: ha il compito di far circolare l’acqua e filtrare quella sporca da tutte le impurità. È fondamentale che sia ben funzionante: con un sistema di filtrazione malfunzionante l’acqua torbida è praticamente garantita.

4. Sistema di skimmer e ricircolo

Sempre per fare un’analogia con il corpo umano questi elementi potrebbero rappresentare le vene che, dal sistema di filtrazione, raggiungono la vasca, trasportando l’acqua al loro interno. Più sono pulite e prive di ostruzioni meglio potranno svolgere il loro lavoro.

 

Chiarite le funzioni di questi elementi fondamentali della piscina, qualsiasi sia il modello in tuo possesso, ora dovresti avere le idee più chiare per affrontare le problematiche regolari che possono verificarsi in stagione.

I fondamentali della pulizia

Vediamo ora i 3 concetti fondamentali per la manutenzione e il trattamento dell’acqua: circolazione, pulizia, chimica.

Circolazione

Una buona circolazione dell’acqua della piscina è il segreto per un’acqua pulita e cristallina. Se il sistema di circolazione infatti è perfettamente funzionante raramente si avrà acqua torbida o problemi di alghe. Tieni quindi in funzione tutti i giorni la pompa di filtrazione per massimizzare la circolazione.

Quanto tempo devi tenere in funzione il sistema di filtrazione? Abbiamo un video per rispondere a questa domanda:

L’altra funzione fondamentale da conoscere del sistema di filtraggio è il controlavaggio (l’operazione con cui il filtro inverte il flusso dell’acqua e devia quella contaminata e lo sporco fuori dalla piscina).
Questo vale almeno per i filtri a sabbia, se il tuo filtro è invece a cartuccia la pulizia deve avvenire manualmente.

Leggi come pulire i filtri della piscina.

Pulizia

Se il sistema di filtrazione funziona bene questo ti renderà più facile la vita per quanto riguarda la pulizia. Questo non significa però che puoi trascurarla completamente. Gli attrezzi di base che ti serviranno sono:

  • Retino.
  • Spazzola.
  • Aspiratore.

Screma la superficie dell’acqua, spazzola e aspira la piscina almeno una volta a settimana. Questo terrà il grosso dello sporco fuori dall’acqua e le pareti della vasca pulite.

Un pulitore automatico per piscina può aiutarti in modo significativo a ridurre i tempi di pulizia. Non eliminerai il bisogno di una pulizia regolare ma sicuramente ti renderà la vita più semplice.

Chimica

Tranquillo, non ti serviranno camice da laboratorio e occhiali protettivi. Questa parte della pulizia può sembrare complessa ma non devi preoccuparti.

L’alleato più importante nella tua cassetta degli attrezzi è il kit tester: prima di aggiungere qualsiasi chimico in acqua fai qualche test per capire cosa c’è in acqua e cosa manca. È il primo passo per bilanciare correttamente i valori.

I 3 elementi più importanti per la chimica della piscina sono:

  • Livello del pH: è la misura di quanto acida o basica sia l’acqua (puoi leggere di più nel post pH piscina: controllo e mantenimento dei valori dell’acqua).
  • Alcalinità: lavora come un tampone del pH e aiuta ad evitare picchi di acidità o basicità. Il range ideale è di 100 – 150 ppm.
  • Livelli del sanificante: è la quantità di cloro, bromo o altro sanificante nell’acqua. I giusti livelli dipendono molto dal tipo di prodotto che utilizzi.

Una volta che conosci i valori di questi elementi puoi iniziare ad aggiungere i prodotti chimici necessari a raggiungere l’equilibrio. Leggi attentamente le etichette dei prodotti che acquisti e cerca di farti un’idea precisa su cosa fa ciascuno e che effetti avrà una volta versato in vasca prima di aggiungerlo.

 

A questo punto hai gli elementi per conoscere la tua piscina e affrontare la manutenzione base. Puoi approfondire l’argomento del trattamento acqua nei nostri articoli dedicati.

Vuoi ricevere in anteprima le novità sul mondo delle piscine?
Allora lascia il tuo indirizzo email qui sotto:

Vedi anche;

scaricare l'acqua della piscina

Dove scaricare l’acqua della piscina: norme e soluzioni

Nella gestione dell’impianto piscina lo scarico dell’acqua clorata è un’operazione da svolgere periodicamente. Per esempio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *